Anonymous afferma di aver violato il server dell’FBI, divulga informazioni dagli agenti per confermarlo

Questo è troppo bello per essere vero, è stato affermato che il sito web dell’agenzia di lotta alla criminalità più avanzata e potente del mondo è stato violato da un gruppo di hacker che lavorano sotto il nome di Anonymous Slovenia.


Anonymous Slovenia non solo ha affermato di aver violato il sito web del Federal Bureau of Investigation (FBI) www.fbi.gov, ma ha anche rilasciato identificatori di posta elettronica e password come prova dei suoi exploit.

Puoi leggere l’elenco completo pubblicato da Anonymous Slovenia qui. Secondo quanto riferito, le perdite pubblicate da un utente che utilizza il nome Black-Shadow di Anonymous Slovenia contengono gli indirizzi e-mail e le password di 68 agenti ospitati sul sito Web fbi.gov. Sorprendentemente, Black-Shadow afferma anche in un altro Pastebin che “Collection. Impegnato. Non tutti i nostri; -]”Puoi leggere quel Pastebin qui. Questo pastebin include anche un breve riassunto dell’attuale direttore dell’FBI James Brien Comey Jr.

Il curriculum include informazioni sensibili come la tua data di nascita, il nome di tua moglie, la data in cui ti sei sposato, la tua storia scolastica e persino le coordinate geografiche della tua residenza.

Il post rivela anche che Anonymous Slovenia ha preso di mira il sito web dell’FBI www.fbi.gov attraverso sette porte aperte. Secondo quanto riferito, gli hacker hanno utilizzato le seguenti porte e proxy

4.69.153.18 risponde sulla porta 118 (sqlserv) 4.69.153.18 risponde sulla porta 3209 (asipx-webadmin) – Password in testo normale 4.69.153.18 risponde sulla porta 4415 (mxxrlogin) 4.69.153.18 risponde sulla porta 5613 ( directplay6) – Vulnerabilità remota 4.69 . 153.18 risponde sulla porta 7429 (openmail-mod) 4.69.153.18 risponde sulla porta 7440 (mppolicy-mgr) – Denial of service 4.69.153.18 risponde sulla porta 7495 (x11-ssh-offset) Il post continua a deridere il sito Web dell’FBI di sicurezza affermando ‘[REALLY GUYS, WHERE’S UR SECURITY]Al momento, l’FBI non ha né smentito né confermato gli hack o le fughe di notizie. Ma il sito Web dell’FBI è stato vulnerabile agli attacchi DDoS in passato e sono stati pubblicati post simili, rendendo difficile verme tecnologico per confermare il trucco o confermarlo come una bufala. Il padre di Anonymous Slovenia, il gruppo di hacker Anonymous ha già sul suo profilo alcuni hacking di alto profilo come CIA, Sony e Agenzia del Regno Unito contro i siti web di Serious Organised Crime. verme tecnologico ti fornirà le ultime informazioni su questo evento non appena accade

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *