Apple rimuove il supporto Boot Camp per Windows 7 sui nuovi Mac

Se sei un utente MacBook, stai utilizzando Boot Camp per eseguire Windows insieme a Mac OS X e hai intenzione di ottenere un nuovo MacBook, dovresti essere consapevole che Apple sta abbandonando rapidamente il supporto di Windows 7 sul suo nuovo MacBook: ha solo una porta USB Type-C, MacBook Pro e MacBook Air.

In futuro, se acquisti un nuovo Mac e desideri eseguire il dual boot di Mac OS X con Windows, dovrai scegliere Windows 8 o successivo.

Più specificamente, secondo il sito di supporto di Apple, Boot Camp su MacBook Pro da 13 pollici (retina) all’inizio del 2015, MacBook Air da 13 pollici e 11 pollici sono compatibili solo con Windows 8 e versioni più recenti.


Questa nuova modifica non influisce sui requisiti per l’installazione di Windows 7 su computer Mac meno recenti. Apple ha aggiornato il suo Pagina di supporto dei requisiti di sistema di Boot Camp con un elenco completo dei dispositivi ancora compatibili con Windows 7.


Per coloro che intendono ottenere un nuovo MacBook, per fortuna ci sono altre soluzioni per eseguire Windows 7 sui modelli Mac 2015 che includono l’uso di software di virtualizzazione, come VMware Fusion Y Parallelo – Entrambi sono software a pagamento, ma ne vale la pena se è necessario eseguire applicazioni Windows per portare a termine il lavoro. Fondamentalmente, queste soluzioni consentono agli utenti di eseguire completamente Windows 7 e applicazioni insieme a Mac OS X e applicazioni, l’esperienza potrebbe non essere ottimale al cento per cento, ma è più che sufficiente.

i Mac con OS X Yosemite

Come creare rapidamente un USB avviabile di Mac OS X in Windows

La decisione di Apple di abbandonare il supporto non è sorprendente, Windows 7 è stato disponibile per la prima volta nel 2009, ora sono passati quasi sei anni, Windows 8 è uscito e Windows 10 dovrebbe arrivare durante l’estate. Sebbene Windows 7 abbia più di mezzo decennio, è ancora il sistema operativo più popolare al mondo, ma Apple ritiene che sia ora di lasciarlo andare, sebbene le persone si siano ancora adattate a Windows 8.