Bill Gates diventerà il primo miliardario al mondo

Il fondatore di Microsoft Bill Gates potrebbe diventare il primo miliardario al mondo nel 2042

Il mondo è diviso in due gruppi: quelli che hanno e quelli che non lo fanno. Mentre i non abbienti rimangono i non abbienti, gli abbienti stanno rapidamente espandendo la loro ricchezza. Una di quelle persone ricche è Bill Gates, attualmente il miliardario più ricco del mondo. Tuttavia, se tutto rimane costante per altri 25 anni, Bill Gates potrebbe diventare il primo miliardario al mondo, secondo un nuovo rapporto sulla disuguaglianza diffuso da Oxfam.

Oxfam è una rete internazionale di organizzazioni che lavorano insieme per alleviare la povertà globale.

Il 61enne fondatore di Microsoft, che era il miliardario più giovane del mondo nel 1987 all’età di 31 anni, potrebbe valere 1.000.000.000.000 di dollari nei prossimi 25 anni, quando Gates avrebbe 86 anni, secondo il rapporto.

Quando Gates ha lasciato Microsoft nel 2006, il suo patrimonio netto era di 50 miliardi di dollari, secondo Oxfam. Il rapporto dice che “nonostante i suoi lodevoli tentativi di dare” [his money] Attraverso la sua fondazione, il patrimonio netto di Gates è aumentato di $ 25 miliardi nel decennio successivo alla sua uscita dall’azienda. Nel 2016, il suo patrimonio netto era di $ 75 miliardi.

Per stimare quanto varrà Gates tra qualche anno, i ricercatori di Oxfam applicano il tasso medio di crescita di cui godono gli ultra-ricchi (11% dal 2009) all’attuale livello di ricchezza di Gates, che supera gli 84 miliardi di dollari. (basato su Forbes).

Se i suoi investimenti continueranno a funzionare come hanno fatto ora, Gates potrebbe diventare il primo miliardario al mondo.

“In un ambiente del genere, se sei già ricco, devi lavorare sodo per non continuare a diventare molto più ricco”, afferma il rapporto.

Secondo una ricerca di Oxfam, otto miliardari in tutto il mondo hanno tanto denaro quanto i 3,6 miliardi di persone che costituiscono la metà più povera della popolazione mondiale. Cinque degli otto miliardari fanno parte di The Giving Pledge, che è un impegno a donare la maggior parte del loro patrimonio netto, durante la loro vita o dopo la loro morte, alla filantropia. Questi otto includono Bill Gates, Amancio Ortega, Warren Buffett, Jeff Bezos, Mark Zuckerberg, Larry Ellison e Michael Bloomberg.

“Poiché la crescita avvantaggia i più ricchi, il resto della società, in particolare i più poveri, soffre”, avverte il rapporto.

“Il design stesso delle nostre economie e i principi della nostra economia ci hanno portato a questo estremo, insostenibile e ingiusto.

“La nostra economia deve smettere di premiare eccessivamente chi è al vertice e iniziare a lavorare per tutti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *