Come controllare le velocità delle prestazioni di lettura e scrittura dell’unità in Windows 10

Quando si acquista un nuovo dispositivo o si aggiorna un disco rigido (HDD) o un’unità a stato solido (SSD) esistente, è una buona idea testarne le prestazioni per assicurarsi che il disco funzioni come pubblicizzato.

Sebbene troverai molti strumenti, in Windows 10 puoi anche utilizzare CrystalDiskMark, che è uno strumento ben noto che ti consente di eseguire una serie di test per misurare le velocità di lettura e scrittura praticamente di qualsiasi tipo di unità.

CristalDiskMark può eseguire test di lettura e scrittura sequenziali e casuali e mostrerà i risultati del benchmarking in megabyte / secondo (MB / s) e operazioni di input / output al secondo (IOPS), che sono informazioni utili che puoi usare per capire il prestazioni della nuova unità o scoprire se la vecchia unità sta perdendo prestazioni.

In questa guida imparerai i passaggi per utilizzare CrystalDiskMark per testare le prestazioni della tua unità a stato solido o del tradizionale disco rigido del giradischi.

Come misurare le prestazioni di velocità del disco rigido con CrystalDiskMark

Per misurare le prestazioni di lettura e scrittura di un’unità con CrystalDiskMark, chiudere tutti i programmi in esecuzione e seguire questi passaggi:

Avvertimento: Questo è un software di terze parti, usalo a tuo rischio.
  1. scaricare CrystalDiskMark da Microsoft Store.

  2. Clicca sul Installa su pc pulsante.

  3. Aperto Inizio.

  4. Cercare CrystalDiskMark e seleziona il risultato principale per aprire l’app.

  5. Utilizzando il primo menu a discesa a sinistra, selezionare il numero di manches. (Se l’impostazione predefinita è 5, puoi cambiarlo in 3, che è sufficiente per risultati più accurati).

  6. Nel secondo menu a discesa, seleziona la dimensione del file che l’applicazione utilizzerà per confrontare l’unità. (La selezione predefinita è più che sufficiente nella maggior parte dei casi.)

  7. Utilizzando il terzo menu a discesa a destra, selezionare l’unità (HDD o SSD) che si desidera testare.

  8. Clicca sul Tutti pulsante.

    Risultati del test CrystalDiskMark
    Risultati del test CrystalDiskMark

Quando si utilizza il Tutti opzione, lo strumento eseguirà tutti i test disponibili, comprese le letture e le scritture sequenziali e tre diversi test casuali da 4KB. Se desideri eseguire un solo test, puoi fare clic su verde tasto sinistro.

Dopo aver completato i passaggi, i benchmark verranno eseguiti sul disco per diversi minuti, a seconda dell’unità, e una volta completati, vedrai il risultato del benchmark in megabyte / secondo. È possibile passare il mouse sul risultato per visualizzare i risultati IOPS per i test.

Se non si è sicuri dei risultati, il “Seq” Q32T1 verifica le prestazioni di lettura e scrittura sequenziali (1,2,3,4…) dell’unità.

Il Q8T8 “4KiB” utilizza file di dimensioni 4K per testare l’unità utilizzando letture e scritture casuali (2,5,7,1…), che richiedono più risorse rispetto ai test sequenziali. Tuttavia, questo test è meno impegnativo rispetto alle opzioni Q32T1 e Q1T1.

La “Q” sta per “queue depth”, che definisce il numero di richieste che hai in un dato momento, e la “T” sta per “threats”, che definisce il numero di processi che accedono al disco in un dato momento.

Puoi quindi confrontare il risultato con le informazioni sulle prestazioni fornite dal produttore per vedere se l’unità sta funzionando come pubblicizzato, o se stai testando un’unità che hai avuto per un po ‘, puoi scoprire se è il momento per una nuova e più sostituzione. Presto.

Se sei pronto per una sostituzione o desideri semplicemente un’unità più veloce, ecco un paio di buone opzioni per aumentare la velocità del tuo HDD o SSD (se scegli l’unità M.2):

Vale la pena notare che CrystalDiskMark (o qualsiasi altro software di terze parti) ti fornirà solo una stima approssimativa delle prestazioni del mondo reale. Inoltre, in genere si desidera confrontare un’unità quando non viene utilizzata. Il tentativo di testare l’unità, che include l’installazione di Windows 10, potrebbe produrre risultati incoerenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *