Come limitare la modifica in Word 2010 ed Excel 2010

Se hai trascorso molto tempo a lavorare su un documento di Word 2010 o un foglio di calcolo di Excel 2010, potresti non volere che gli utenti che devono solo rivedere il file ne modifichino accidentalmente il contenuto. Per evitare questo potenziale inconveniente, Microsoft Office 2010 offre un modo semplice per impostare limitazioni di formattazione e modifica.

Per limitare la modifica in Word 2010, eseguire le operazioni seguenti:

1. Aprire il documento di Word 2010, terminare la modifica e salvare tutte le modifiche.

2. Vai a revisione scheda, nel file Proteggere gruppo e fare clic Limita la modifica.

Microsoft Word 2010: limita la modifica

3. Sul lato sinistro il Limita la formattazione e la modifica cristallo.

Microsoft Word 2010: limita la formattazione e la modifica

4. Ora in Restrizioni di formato Y Modifica vincoli configurare le opzioni di formattazione e modifica appropriate per te e in Avvia l’applicazione non dimenticare di fare clic Sì, inizia ad applicare la protezione pulsante.

Per limitare la modifica in Excel 2010, eseguire le operazioni seguenti:

1. Aprire Excel 2010, terminare la modifica e salvare tutte le modifiche.

2. Vai a revisione scheda, nel file I cambiamentiraggruppare e configurare le opzioni di protezione appropriate in base alle proprie esigenze:

Microsoft Excel 2010: rivedere le modifiche al gruppo

  • Proteggi foglio: Impedisci modifiche al foglio di lavoro e al contenuto bloccato nelle celle.
  • Proteggi la cartella di lavoro: Impedisci modifiche alla struttura della cartella di lavoro, come lo spostamento, l’eliminazione o l’aggiunta di fogli.
  • Proteggi e condividi la cartella di lavoro: Condividi la cartella di lavoro e proteggila con password.
  • Consenti all’utente di modificare gli intervalli: Specificare chi può modificare l’intervallo o le celle in un foglio o una cartella di lavoro protetti.

Ed eccoti! Ecco come la modifica è limitata in Microsoft Office 2010. Spero che questo tutorial sia stato utile. Se hai domande, chiedi nei commenti qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *