Da Oracle all’Open Source Java Enterprise Edition (JAVA EE)

Oracle ha cambiato idea, ora vuole rilasciare Java EE alla comunità open source

Dicono che non puoi mai aspettarti un favore dal mondo degli affari senza che loro realizzino un profitto. Oracle sembra chiudere il negozio su Java Enterprise Edition (Java EE) e ora ha deciso di aprirlo. Dopo aver guadagnato milioni con Java EE, ora Oracle sembra aver capito che deve andare avanti.

Secondo quanto riferito, Oracle sta dicendo addio a Java EE (Enterprise Edition) e ha deciso di esternalizzarlo a una fondazione open source poiché l’azienda prevede di valutare diversi modi per migliorare il processo di sviluppo di Java EE.Questo annuncio Oracle arriva prima della prossima versione di Java EE versione 8.

Sviluppato nell’ambito del Java Community Process (JCP), Java EE è una raccolta di tecnologie e API per la piattaforma Java, ampiamente utilizzata per applicazioni server in molti settori, in particolare nel mondo finanziario.

Oracle ritiene che ci sia un’opportunità per ripensare al modo in cui Java EE è stato sviluppato per renderlo più agile e reattivo alle mutevoli esigenze dell’industria e della tecnologia. Quindi i ragazzi di Oracle si sono resi conto che la piattaforma Java EE potrebbe funzionare meglio se si spostasse da Redwood Shores e trovasse un ambiente più vantaggioso per il modello di sviluppo open source.

“Java EE ha un enorme successo, con un mercato competitivo per le implementazioni supportate, un’ampia adozione di singole tecnologie, un enorme ecosistema di framework e strumenti e innumerevoli applicazioni che offrono valore alle aziende e agli utenti finali. Ma anche se Java EE è sviluppato in open source con il coinvolgimento della comunità Java EE, il processo spesso non è visto come agile, flessibile o sufficientemente aperto, soprattutto rispetto ad altre comunità open source. Ci piacerebbe fare di meglio “, scrive David Delabassee, un evangelista di Java presso Oracle, in un post sul blog sul sito Web dell’azienda.

“Abbiamo una discussione su come migliorare il processo di sviluppo di Java EE dopo il rilascio di Java EE 8. Pensiamo che questo sia il passo giusto per spostare le tecnologie Java EE su una base open source, utilizzare processi più agili, implementare regole di licenza più flessibili e modificare il processo di gestione “, ha aggiunto Delabassee.

leggere  Gli hacker possono accedere agli iPhone bloccati da iCloud utilizzando ricevute false e kit di phishing

Il gigante del software ha affermato di essere in trattative con la comunità degli sviluppatori, i suoi licenziatari e varie fondazioni candidate per vedere se possono spostare Java EE in questa direzione. Inoltre, l’azienda afferma che continuerà a supportare le implementazioni Java EE esistenti e future implementazioni Java EE 8, e continuerà anche a partecipare alla futura evoluzione delle tecnologie Java EE.

“Riteniamo che un processo più aperto, che non dipenda da un singolo fornitore come leader della piattaforma, incoraggerà una maggiore partecipazione e innovazione e servirà i migliori interessi della comunità”, si legge nel blog.

Con la decisione di Oracle di scaricare Java EE nella comunità open source, sono emersi nomi di possibili candidati come Apache Software Foundation ed Eclipse Foundation, sebbene il gigante del software non abbia nominato nessuno.

In passato, Oracle ha donato la suite di produttività OpenOffice e l’IDE NetBeans ad Apache e il server di integrazione Hudson a Eclipse. Simile a Java, tutte e tre le tecnologie, OpenOffice, NetBeans e Hudson, sono state acquisite nell’acquisizione di Sun Microsystems da parte di Oracle nel 2010.

Ad accogliere le idee di Oracle è la società Red Hat, che è rappresentata nel mercato con il server Java EE Jboss. John Clingan, Product Manager per Red Hat in un’e-mail a vari punti vendita statunitensi, ha scritto:

“Riteniamo che sia un passo molto positivo portare Java EE sotto l’autorità di un’organizzazione open source e andrà a beneficio dell’intero ambiente Enterprise Java. Rimangono molti dettagli, ma Red Hat è ottimista e apprezza la decisione di Oracle di propagare Java EE in un ambiente aperto e collaborativo. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *