Dati personali dei 6,5 milioni di elettori israeliani esposti

Secondo i resoconti dei media israeliani, una violazione della sicurezza in un’app elettorale ha esposto le informazioni personali sensibili di quasi 6,5 milioni di israeliani agli hacker.

La notizia della violazione dei dati arriva solo tre settimane prima delle elezioni nazionali del 2 marzo.

La falla di sicurezza è stata trovata nell’app mobile Elector, progettata dalla società di software israeliana Feed-b. Questa applicazione viene utilizzata dal Primo Ministro di Israele, Benjamin Netanyahu, e dal suo partito Likud per la gestione della campagna e per fornire agli elettori notizie e informazioni sulle imminenti elezioni.

Secondo Haaretz, la violazione scoperta da un programmatore nel sistema dell’Elector potrebbe aver potenzialmente esposto i nomi, gli indirizzi, i numeri di identificazione, i seggi elettorali degli elettori israeliani idonei insieme ai loro numeri di telefono in molti casi, il sesso e se erano potenziali elettori del Likud.

Ran Bar-Zik, uno sviluppatore senior di Verizon Media, che ha individuato la violazione e l’ha segnalata al quartier generale di Israele, ha affermato che “quando parliamo di hacking, immaginiamo persone in felpe con cappuccio che fanno cose tecniche”. Ma in questo caso non erano necessarie competenze tecniche.

Ha anche aggiunto che le informazioni presenti nella domanda sarebbero estremamente preziose se fossero pubblicate.

“Questo è un raro tesoro di informazioni su non meno di 6.453.254 cittadini israeliani che qualsiasi governo straniero, organizzazione di intelligence o società commerciale vorrebbe possedere”, ha detto Bar-Zik.

Il partito Likud ha ammesso di aver “sventato un tentativo” di danneggiare una piattaforma digitale. La parte ha anche cercato di incolpare l’applicazione dicendo “è necessario sottolineare che si tratta di un fornitore di software di terze parti che fornisce servizi a molte parti”.

leggere  Come usare la tua calligrafia come font di sistema su uno smartphone Android

In seguito alla scoperta, il partito Likud ha detto che “la sicurezza del sito è stata migliorata”. L’autorità per la protezione della privacy ha dichiarato in una dichiarazione che stava indagando sull’incidente dell’elettore e ha affermato che la responsabilità di obbedire alla legge israeliana sulla privacy che prevede l’uso del registro degli elettori “spetta alle parti stesse”.

Feed-b, lo sviluppatore dell’app, ha commentato la vulnerabilità come un “incidente occasionale che è stato risolto immediatamente” e ha affermato che da allora ha rafforzato la sicurezza del sito.

Non è chiaro se le informazioni sull’app siano state scaricate prima che il problema di sicurezza fosse risolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *