Ecco un modo per rendere l’Internet of Things una realtà connessa

Blockchain è un’idea semplice ma potente, ma lo sviluppo di soluzioni che affrontano veramente i casi d’uso del mondo reale in un modo migliore rispetto ai sistemi attuali non è stato semplice. Le tecnologie possono sembrare progressi sulla carta fino a quando non arriva la deludente beta.

Il mondo dell’Internet of Things (IoT) non è diverso in termini di Per quanto riguarda le promesse eccessive e le consegne insufficienti. Dai termostati ai sensori dei veicoli, il numero di dispositivi IoT distribuiti crescerà rapidamente. Ora la sfida è sfruttare i dati generati da questi dispositivi per rendere le nostre città e le nostre vite più intelligenti.

La gestione simultanea dei dati e delle interazioni di milioni di dispositivi dovrebbe essere perfetta per una soluzione blockchain. Statista stima che ci sarà 75 miliardi Dispositivi IoT entro il 2025.

Tuttavia, ci sono due ostacoli critici che gli sviluppatori di piattaforme IoT devono affrontare: scalabilità e sicurezza.

È praticamente lo stesso di qualsiasi altro settore che deve affrontare l’interruzione del registro distribuito. Ma nel regno dell’IoT, le pressioni competitive hanno portato alla nascita di una startup, IOTW, che crede di avere la risposta a entrambi questi problemi. Diamo un’occhiata al primo, la scala.

Scala: progressi nel test di assegnazione

La governance è chiaramente vista come un dibattito critico per il progresso della blockchain e come implementarla per entità e organizzazioni decentralizzate in cui velocità e sicurezza devono essere scambiate tra loro.

Molto è stato scritto sulle presunte inefficienze del sistema di consenso proof-of-work di bitcoin e, come risultato di quelle debolezze di progettazione percepite, è stata offerta la prova di gioco (PoS) come soluzione. Con PoS, invece di competere con i nodi, viene implementato un sistema più cooperativo con nodi selezionati o scelti per elaborare le transazioni.

Tuttavia, risulta che tutta quella dispendiosa elaborazione del computer rende molto più difficile il successo di un potenziale aggressore; Il pericolo con PoS è che potrebbe indebolire la sicurezza in modi imprevisti.

I sistemi Proof-of-Stake offrono la possibilità di aumentare la velocità delle transazioni fino agli 8.000 tps comunemente visti sulla rete di pagamento Visa. Ma come determinare chi saranno i nodi fidati?

Tipicamente questo si risolve adottando un meccanismo di voto, con voto ponderato all’interno dell’elettorato per il numero di gettoni posseduti. Sembra buono sulla carta, ma poiché la rete di alto profilo EOS ha scoperto a proprie spese dalla sua offerta iniziale di monete e dal lancio della rete principale, una “costituzione” da sogno sulla carta non è la stessa cosa di un protocollo praticabile.

Invece di un complicato processo di voto e costituzioni esagerate, IOTW ha deciso di consentire al server di contabilità di assegnare nodi fidati (computer che eseguono l’elaborazione). Allo stato attuale dei piani, l’assegnazione potrebbe essere decisa mediante selezione casuale o ponderazione in base all’entità delle scommesse token.

Come con altri sistemi proof-of-stake, l’IOTW prova di assegnazione Il meccanismo di consenso (PoA) fa a meno del processo di mining competitivo. È questo che la rete sarà in grado di eseguire una velocità di centinaia di migliaia di transazioni al secondo.

In modo ragionevole, IOTW inizialmente assegnerà lo stato del nodo fidato ai suoi partner commerciali.

Sicurezza: IOTW ha progettato il proprio chip di mining

Quindi, in che modo IOTW affronta i problemi relativi alla sicurezza? È fantastico avere nodi affidabili, ma questo non implica un livello di centralizzazione per cui è stata inventata la blockchain?

Insieme all’algoritmo PoA, IOTW ha inventato il concetto di “micro-mining” e sviluppato l’hardware che lo rende possibile.

Il micromining prevede che tutti i dispositivi della rete IoT possano verificare le transazioni. Con quel livello di mining decentralizzato in azione, la sicurezza potrebbe essere assicurata. Sembra una soluzione ovvia finché non si prendono in considerazione le difficoltà tecniche di condurre operazioni minerarie con a alimentazione limitata.

Gli ambienti a bassa potenza sono spesso i luoghi in cui si trovano i dispositivi IoT e le soluzioni che richiedono l’installazione di hardware costoso sono di per sé una barriera all’adozione.

Per risolvere questo problema, IOTW ha progettato un chip basato su quello che chiama Digital Power System (DPS). I chip economici sono progettati per essere installati in modo economico e semplice in un dispositivo IoT. Una volta posizionato, il dispositivo può avviare il mining (trovare i valori hash degli header dei blocchi creati dai nodi) a bassa potenza.

È importante sottolineare che i dispositivi non hanno bisogno di avere il chip DPS installato per connettersi alla rete. I dispositivi non saranno solo in grado di estrarre: i dispositivi partecipanti e i loro proprietari saranno in grado di offrire e acquistare servizi nel mercato IOTW alimentato dal token nativo, IOTW.

Il genio del micro-mining è il modo in cui fornisce un incentivo ai dispositivi per connettersi alla rete. Mostra una comprensione rinfrescante della realtà aziendale da parte dei leader IOTW.

L’idea che tutto ciò che è necessario per il successo sia costruire la blockchain e aspettare che arrivino gli utenti è morta con essa. centinaia di startup blockchain fallite che è stato lanciato l’anno scorso ma non è riuscito.

Con un team che combina conoscenza tecnica e abilità finanziaria, IOTW ha una forte possibilità di essere uno dei successi dello spazio IoT, non uno dei fallimenti.

Video sull’amore crittografico:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *