Facebook presenta un nuovo strumento che consente agli utenti di controllare la raccolta di dati di terze parti

Facebook lancia uno strumento per consentire agli utenti di controllare le informazioni raccolte da siti Web e applicazioni di terze parti

Facebook, che martedì viene spesso criticato per aver violato la privacy degli utenti, ha finalmente rilasciato il suo attesissimo strumento per la privacy che consente ai suoi utenti di visualizzare e controllare tutti i dati che app e siti web di terze parti condividono con il gigante della rete. Social.

“Molte applicazioni e siti web sono gratuiti perché sono supportati dalla pubblicità online. E per raggiungere le persone che hanno maggiori probabilità di interessarsi a ciò che vendono, le aziende spesso condividono i dati sulle interazioni delle persone sui loro siti web con piattaforme pubblicitarie e altri servizi “, Erin Egan, Chief Privacy Officer, Facebook e David Baser, Director of Product La direzione ha detto in a post sul blog.

“È così che funziona Internet, ma poiché la persona media con uno smartphone ha oltre 80 app e ne utilizza circa 40 ogni mese, può essere davvero difficile per le persone tenere traccia di chi ha le informazioni su di esse e per quelle utilizzate .

“Per aiutare a far luce su queste pratiche comuni ma non sempre ben comprese, oggi presentiamo un nuovo modo per visualizzare e monitorare la tua attività al di fuori di Facebook”.

Il nuovo aggiornamento denominato “Attività al di fuori di Facebook” consente agli utenti di visualizzare un riepilogo delle informazioni che altre applicazioni e siti Web hanno inviato a Facebook per il targeting degli annunci, poiché la maggior parte degli annunci target proviene dai dati inviati da queste applicazioni di terze parti che utilizzano Facebook . accedere come metodo di autenticazione.

Lo strumento consente agli utenti di scollegare queste informazioni dal proprio account, se lo desiderano. Possono anche impedire che i dati futuri vengano utilizzati nella loro interezza o solo per applicazioni e siti Web specifici.

leggere  Cos'è una rete m2m?

Il social network ha affermato che una volta cancellata l’attività, non sapranno quali siti Web hanno visitato gli utenti o cosa hanno fatto lì, e non utilizzerà nessuno di quelli scollegati per indirizzare gli annunci agli utenti su Facebook, Instagram o Messenger. Tuttavia, Facebook continuerà a raccogliere dati sulle attività degli utenti al di fuori di Facebook anche se il tracciamento è disabilitato. Scollegherà semplicemente tali attività dal profilo Facebook dell’utente.

La mossa “potrebbe avere un impatto sulla nostra attività”, ha affermato Facebook, considerando che ricava entrate dagli annunci e dagli strumenti che offre agli inserzionisti per indirizzare i potenziali clienti. Tuttavia, ha aggiunto di ritenere che dare alle persone il controllo sui propri dati sia più importante.

Facebook lancerà lo strumento prima in Irlanda, Corea del Sud e Spagna e poi lo renderà disponibile agli utenti di tutto il mondo “nei prossimi mesi”.

https://www.techworm.net Un individuo, ottimista, casalingo, appassionato di cibo, fanatico del cricket e, soprattutto, uno che crede nell’essere umano!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *