I CEO più performanti ora hanno una laurea in ingegneria rispetto agli MBA

La maggior parte dei CEO più performanti del 2018 sono quelli con una laurea in ingegneria e non un MBA

Una classifica annuale pubblicata da Harvard Business Review (HBR) lunedì ha mostrato che i CEO più performanti di tutto il mondo avevano una laurea in ingegneria piuttosto che un MBA incentrato su finanza e strategia, riporta il Washington Post. Questa è la seconda volta consecutiva che dimostra che i CEO più performanti del mondo hanno una laurea in ingegneria.

Per chi non lo sapesse, Classifica HBR esamina la variazione della capitalizzazione di mercato e il rendimento totale per gli azionisti, rettificato per paese e settore, per l’intero mandato degli amministratori delegati sull’S&P 1200 globale e aggrega i dati che valutano le prestazioni dell’azienda su questioni ambientali, governance e servizi sociali durante il periodo di l’amministratore delegato in carica.

Secondo il rapporto HBR, 34 dei 100 migliori CEO nel 2018 avevano una laurea in ingegneria, rispetto ai 32 che avevano un MBA, mentre 8 dei migliori CEO avevano entrambi i gradi.

HBR aveva iniziato a monitorare la domanda di laurea dal 2014. E la prima volta che sono stati trovati meno MBA rispetto agli ingegneri è stata nel 2017, che aveva 29 CEO con titoli MBA e 32 con titoli in ingegneria.

Sebbene la posizione più alta non appartenga a un ingegnere, il sondaggio di quest’anno ha incluso 10 dei 20 migliori CEO con una laurea in ingegneria, incluso il secondo CEO di Nvidia Jensen Huang, rispetto a quattro MBA.

Allora perché c’è un improvviso aumento del numero di CIO? La spiegazione più probabile è che l’industria tecnologica abbia visto un’enorme crescita negli ultimi anni. Ad esempio, l’elenco contava solo 8 CIO nel 2014, ma questo numero è aumentato a 22 nel 2018. L’altro motivo potrebbe essere anche la metodologia utilizzata da HBR.

Secondo Dan McGinn, senior editor di HBR, la società aveva apportato una modifica alla sua metodologia nel 2015, quando ha aggiunto la componente ESG (ambientale, sociale e di governance) alla sua analisi e l’elenco è diventato un po’ più popolato da società europee.

leggere  Google annuncia Project Stream, per riprodurre in streaming i giochi su Chrome

I dati mostrano che i CEO europei hanno più lauree in ingegneria, mentre la maggior parte dei CEO statunitensi ha titoli MBA. Ciò potrebbe contribuire al fatto di diversi background educativi in ​​diverse regioni.

Avere una laurea in ingegneria non significa che le tue competenze non possano essere applicate in ruoli manageriali. Quando HBR ha iniziato a chiedere informazioni sui titoli di studio, McGinn ha affermato di aver parlato con esperti di gestione che hanno affermato che l’ingegneria si concentra sulla risoluzione dei problemi, sulle capacità analitiche e sui metodi strutturali di pensiero.

“Ciò ha ovvi vantaggi se gestisci un’azienda IT, ma probabilmente ha anche vantaggi se stai cercando di risolvere i problemi nelle situazioni aziendali quotidiane”, ha affermato McGinn.

Jeffrey Sprecher, CEO dell’Intercontinental Exchange, proprietario della Borsa di New York e uno dei CEO nella lista di quest’anno, ha un MBA e una laurea in ingegneria. In un video pubblicato su Facebook dalla sua alma mater, l’Università del Wisconsin, ha affermato di non aver mai svolto un lavoro correlato alla sua laurea in ingegneria chimica.

Tuttavia, ha detto, “mi ha insegnato la risoluzione dei problemi e i sistemi complessi e il modo in cui le cose si relazionano tra loro, e il business è davvero proprio questo”.

Altri erano dell’opinione che potrebbe esserci un giorno in cui potremmo vedere più CEO con tale formazione e più persone che lasciano la scuola con quei titoli, considerando che la tecnologia e la digitalizzazione sono diventate sempre più importanti per tutti i reparti IT. , così come per coloro che non sono. azienda informatica.

Robert Sutton, professore di scienze e ingegneria gestionale alla Stanford University, ha affermato che è sempre più importante per i dirigenti avere una certa conoscenza dell’informatica.

leggere  Smule per PC ~ Windows 10/8/7 e MAC, download gratuito

Leggi anche– I 10 migliori siti Web per imparare l’informatica gratuitamente

“Questa non è una sorpresa dato che la tecnologia, in particolare l’informatica, è così importante”, ha detto. “Tutte le organizzazioni con cui parlo dicono che stanno facendo ‘digitalizzazione’. “

Mentre la classifica HBR esamina i background formativi solo dei primi 100 CEO più performanti in tutto il mondo, i dati educativi per i CEO su S&P 500 e Fortune 500 mostrano una visione leggermente diversa.

Un rapporto annuale generato dalla società di ricerca esecutiva Crist Kolder Associates mostra che il 26,4 percento di questi CEO aveva una laurea in ingegneria nel 2018, che è leggermente inferiore al 27,4 percento nel 2017 e al 28,4 percento nel 2016.

Peter Crist, presidente della società, ha affermato che “è una terribile generalizzazione, ma penso che i consigli di amministrazione guarderanno le persone con una laurea in ingegneria e fondamentalmente presumeranno che siano intelligenti. Li metto costantemente in guardia su “Questo ha contribuito ai tuoi risultati?” Hanno sviluppato un business? Non farti ossessionare dai pedigree”.

Steve Mader, un vicepresidente in pensione della società di ricerca Korn Ferry, ha affermato di non aver notato un grande cambiamento nella sensibilità dei consigli di amministrazione verso i CEO con background ingegneristici, anche se è apertamente accettato.

Secondo lui, le relazioni che si costruiscono durante un programma MBA sono ancora più preziose. Tuttavia, una volta che la discussione si trasforma in una posizione di CEO, ciò che viene appreso in entrambi i gradi non è davvero importante.

“Nel momento in cui viene selezionato un amministratore delegato, ci sono questioni molto più rilevanti da confrontare e contrastare”, ha affermato. “Il titolo non compare quasi mai.”

FONTEWashington Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *