Il sito web di Reuters è stato violato dall’esercito elettronico siriano, i visitatori sono stati reindirizzati a una pagina deturpata…

Il regime pro-Assad, hacker siriani dell’esercito elettronico siriano, hanno hackerato oggi il sito web ufficiale di Reuters. Reuters è un’agenzia di stampa internazionale con sede a Canary Wharf, Londra, Regno Unito, che trasmette notizie in inglese, francese, arabo, spagnolo, tedesco, italiano, portoghese, russo, giapponese e cinese in quasi ogni parte del mondo.

L’hack è stato reso pubblico dopo che molti dei visitatori che hanno cercato di accedere agli articoli sul sito Web di Reuters sono stati reindirizzati a una pagina di defacement che diceva:

Hackerato dall’esercito elettronico siriano
Smettila di pubblicare rapporti e articoli falsi sulla Siria!

Il governo del Regno Unito sta sostenendo i terroristi in Siria per distruggerlo. Smettila di diffondere la tua propaganda.


L’esercito elettronico siriano ha successivamente confermato l’attacco dal suo account Twitter ufficiale.

Tutti @Reuters I collegamenti agli articoli sono stati reindirizzati a un messaggio dell’esercito elettronico siriano. #MARE #Siria pic.twitter.com/QBHwHZE4UD

– SyrianElectronicArmy (@ Official_SEA16) 22 giugno 2014

All’inizio di questa settimana, l’esercito elettronico siriano ha violato il sito Web di altre due importanti agenzie di stampa del Regno Unito, “The Sunday Times e The Sun”.

Tuttavia, gli esperti affermano che non sono stati i server Web di Reuters a essere stati violati in questo attacco. Secondo le fonti, il sito Web di Reuters è gestito da un fornitore di annunci di terze parti, Taboola, ed è Taboola ad avere la colpa.

Molti visitatori che hanno utilizzato gli ad blocker nei loro browser non sono stati reindirizzati, il che significa che uno dei codici inseriti da Taboola è stato avvelenato dall’esercito elettronico siriano. Questo rende difficile dare la colpa Taboola, perché potrebbe essere responsabile anche uno degli account amministratore che ha gestito il codice dell’annuncio sul sito web. Né Taboola né Reuters hanno ancora commentato la questione, ma è atteso a breve un comunicato stampa.

Non è la prima volta che l’esercito elettronico siriano attacca un gruppo di media occidentali, continuano a farlo tutto il tempo, poiché credono che il mondo occidentale e i media siano pro-ribelli e contro il regime di Assad in Siria. Tuttavia, la loro dichiarazione ufficiale dice sempre che lo fanno quando un gruppo di media fa notizie false sulla Siria o li insulta sui loro modi.

Abbiamo già contattato l’esercito elettronico siriano per saperne di più sull’hack e ti aggiorneremo con uno.

AGGIORNARE: Adam Singolda, fondatore e CEO di Taboola, ha confermato la violazione in un post sul blog, affermando che l’attacco è stato effettuato utilizzando un attacco di phishing.

La società ha cambiato tutte le sue password di accesso e continuerà a indagare sull’attacco per le prossime 24 ore, ha affermato.

leggere  Lo smartphone da gioco Red Magic di Nubia è dotato di illuminazione RGB

L’esercito elettronico siriano ha anche confermato che l’attacco è stato effettuato utilizzando Taboola.

Un tweet twittato oggi mostra lo screenshot preso dalla SEA del conto Paypal di Taboola.

Un rapido sguardo all’azienda israeliana @Taboola Account Paypal. #MARE pic.twitter.com/L7qPoZWMlN

– SyrianElectronicArmy (@ Official_SEA16) 22 giugno 2014

Ora la società (Taboola) deve preoccuparsi dello screenshot del proprio account Paypal pubblicato online che contiene 604.210,86 USD.

Mentre Taboola continuerà a indagare per 24 ore, SEA continuerà a indagare sui tuoi conti di pagamento e sui tuoi clienti.

Non è ancora chiaro chi controlla il Taboola per ora, è l’esercito elettronico siriano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *