La nuova app di ricerca di Facebook paga gli utenti per condividere i propri dati

Facebook introduce l’app “Studio” che paga gli utenti per condividere informazioni sulle app che utilizzano

Facebook ha lanciato martedì una nuova app di ricerca che pagherà gli utenti per condividere informazioni su come utilizzano le app sui propri dispositivi. La società afferma che questo li aiuterà a creare prodotti migliori per la comunità di Facebook.

La nuova applicazione denominata “Facebook Study” raccoglierà informazioni sulle applicazioni installate sul telefono di un partecipante, il tempo trascorso utilizzando tali applicazioni, il paese del partecipante, il dispositivo e il tipo di rete e le funzioni a cui accede il partecipante all’interno di tali applicazioni.

“Crediamo che questo lavoro sia importante per aiutarci a migliorare i nostri prodotti per le persone che usano Facebook. Sappiamo anche che questo tipo di indagine dovrebbe chiarire a cosa si iscrivono le persone, come verranno raccolte e utilizzate le loro informazioni e come rinunciare all’indagine in qualsiasi momento “, ha spiegato il Product Manager di Facebook Sagee Ben-Zedeff , in un post sul blog aziendale.

Facebook ha affermato che non raccoglierà ID utente, password o contenuti o contenuti archiviati sul telefono di un utente, come foto, video e messaggi. Dichiara inoltre che i dati raccolti dallo Studio non saranno venduti a terzi o utilizzati per indirizzare annunci pubblicitari. Tuttavia, Facebook afferma di poter collaborare con altre società per gestire il pool di partecipanti a pagamento che condividono con loro i dati sull’utilizzo delle app.

“Abbiamo appreso che ciò che le persone si aspettano quando si registrano per partecipare a ricerche di mercato è cambiato e abbiamo creato questa applicazione per soddisfare tali aspettative. Stiamo offrendo trasparenza, retribuendo tutti i partecipanti e mantenendo le informazioni delle persone al sicuro “, ha aggiunto Sagee. “Abbiamo la responsabilità di mantenere le informazioni delle persone al sicuro. Con questa app, raccogliamo la quantità minima di informazioni necessarie per aiutarci a creare prodotti migliori.

leggere  L'HP Spectre x360 15 è il notebook ibrido più potente della sua categoria grazie alla sua configurazione

Gli utenti verranno inoltre regolarmente ricordati che fanno parte del programma. “Le persone hanno spesso molte applicazioni sul proprio telefono, quindi ricorderemo periodicamente ai partecipanti che fanno parte del programma. Avranno anche l’opportunità di rivedere le informazioni che stanno condividendo con noi “, ha affermato la società.

L’applicazione può essere installata solo su invito, il che significa che sarà aperta solo ai partecipanti che vedono un’inserzione di Facebook che incoraggia la loro partecipazione. Una volta invitati, i partecipanti potranno vedere l’applicazione sul Google Play Store.

“Quando si registrano, le persone vedranno una descrizione di come funziona l’applicazione e quali informazioni condivideranno con noi in modo che possano confermare che vogliono partecipare”, continua la spiegazione di Sagee. “Informiamo anche gli utenti sul sito web dello studio da Facebook e nella descrizione del Play Store su quali informazioni raccogliamo e come verranno utilizzate. Tutto questo è accessibile prima che i partecipanti forniscano informazioni sulla ricerca di mercato all’applicazione.”

Sono idonei solo gli utenti di età superiore ai 18 anni e l’app Study è attualmente disponibile negli Stati Uniti e in India tramite il Google Play Store per gli utenti Android. Tuttavia, l’azienda amplierà la disponibilità dell’app in altri paesi nel tempo.

La società non ha rivelato quanto pagherà i partecipanti per condividere le loro informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *