Redhack attacca di nuovo il governo turco, hackera le ferrovie turche e l’associazione degli appaltatori turchi

Redhack è tornato con una vendetta e oggi. Se ricordi, negli ultimi mesi RedHack ha preso di mira diversi siti Web del governo turco di alto profilo. Il mese scorso, Redhack ha utilizzato o sfruttato la vulnerabilità del cross-scripting (XSS) per accedere e pubblicare un messaggio al governo turco sul sito web del parlamento turco> tbmm.gov.tr. Oggi hanno esteso il loro attacco ad altri siti del governo turco, vale a dire le ferrovie e l’Associazione degli appaltatori turchi.

Oggi ha violato il sito web delle ferrovie turche, TCDD, e ha fatto trapelare diversi file che affermano di aver rubato dal sito web. I file sono disponibili qui. Hanno anche hackerato il sito web dell’Associazione degli appaltatori turchi e fatto trapelare diverse centinaia di nomi utente e password degli appaltatori membri elencati lì.

RedHack ha detto che sono anche riusciti a infiltrarsi nei sistemi di posta elettronica del quartier generale dell’AKP a Izmir. RedHack ha quindi rilasciato le e-mail che dicono rappresentino atti di corruzione da parte dell’AKP e del governo turco. Il messaggio Twitter pubblicato in merito a questo hack è mostrato di seguito.

E-Mail dell’AKP al potere? Quartier generale degli infiltrati di Zmir: altre corruzioni pic.twitter.com/k00ePLoQQg pic.twitter.com/g3pQcLIMTZ pic.twitter.com/q74N1fVlYk

– RedHack_IT (@RedHack_IT) 10 gennaio 2014

RedHack ha avvertito che sta lavorando su molti altri hack e pubblicherà presto i dettagli del sito Web compromesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *