Sconosciuto non inizializzato – Impossibile inizializzare il disco in Windows 10 Voice …

Se è stato installato un nuovo disco rigido interno o esterno o SSD e il suo stato viene visualizzato sul lato sinistro dello strumento di gestione del disco. Sconosciuto non inizializzato allora significa che Windows non può inizializzare il disco e quindi non può utilizzare l’hard disk o l’SSD. Questo può accadere in modo casuale anche con le unità esistenti e se stai riscontrando questo errore, ecco cosa puoi fare al riguardo.

Risoluzione dei problemi relativi ai messaggi di errore relativi alla gestione del disco

Sconosciuto non inizializzato: il disco non può essere inizializzato

Molte volte la partizione o l’unità non viene visualizzata in Esplora file. Per verificare se è fisicamente presente, apri Gestione disco. Controlla se lo vedi come Non inizializzato. Se è così, significa semplicemente che il disco non ha una firma valida, cioè non è registrato correttamente nel sistema. Un disco viene registrato quando lo si formatta almeno una volta. Se il disco era disponibile prima, probabilmente è danneggiato in qualche modo.

Per correggere questo errore sconosciuto non inizializzato, segui questi suggerimenti:

  1. Inizializza il disco manualmente
  2. Mettilo in linea e aggiungi la lettera di unità
  3. Verificare la presenza di problemi in Gestione dispositivi
  4. Controllare fisicamente il cavo.

1]Inizializza il disco manualmente

Per inizializzare l’unità manualmente, utilizzando il menu WinX, apri Gestione disco. Qui puoi trovare il disco non inizializzato. Fare clic con il tasto destro sul disco e selezionare Inizializza il disco opzione.

Nel passaggio successivo, è necessario selezionare lo stile di partizione. Si consiglia di utilizzare MBR invece di GPT o tabella delle partizioni GUID. Dopo aver fatto clic sul pulsante OK, il disco dovrebbe inizializzarsi ed essere eseguito senza errori.

Questa è la soluzione più comune e funzionale per questo problema.

2]Mettilo in linea e aggiungi la lettera di unità

  • Se sembra essere offline in Gestione disco, fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Online.
  • Se il disco è già online ma non ha una lettera di unità (ad esempio, C, D, E, ecc.), Fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Cambia lettera e percorso di unità. Scegli una lettera che non è ancora stata assegnata.
  • Infine, puoi scegliere di formattarlo in NTFS o FAT32. Se stai usando 64 bit, assicurati di usare NTFS. Questo cancellerà tutti i dati sul tuo disco.

3]Verificare la presenza di problemi in Gestione dispositivi.

È possibile che a causa di problemi con il driver, il disco rigido non funzioni correttamente. È sempre una buona idea controllare Drive Manager per vedere che l’elenco delle unità ha un punto esclamativo giallo accanto ad esso. Se è il caso:

  • Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’elenco del disco rigido e selezionare Disinstalla unità.
  • Quindi fare clic su Azione ed eseguire Rileva modifiche hardware.

4]Controllare fisicamente il cavo

Se vedi questo problema con il disco rigido interno o SSD, devi controllare se i cavi sono ben collegati e funzionanti o meno. Dovrebbero esserci due cavi:

  1. Uno è il cavo di alimentazione che deve essere collegato al tuo SMPS
  2. Un altro deve essere collegato alla scheda madre

Se uno di questi cavi manca o non funziona correttamente, dovrai affrontare questo problema. Prova a cambiarli e vedi se questo aiuta.

Lettura correlata: Risoluzione dei problemi relativi ai messaggi di errore comuni relativi alla gestione del disco.

Risoluzione dei problemi relativi ai messaggi di errore comuni relativi alla gestione del disco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *