Segate segna la sua presenza nel mercato dello stato solido con quattro dei suoi nuovi 600 drive ssd

Segate ha annunciato oggi 4 dei suoi 600 SSD, Seagate 600 SSD, Seagate 600 Pro SSD, Seagate 1200 SSD e Seagate X8 Accelerator.

Segate 600 SSD è progettato per i clienti generici e gli altri 3 sono fondamentalmente progettati per l’uso aziendale.

Primo SSD da 5 mm di Segate:

L’SSD Seagate 600 è il primo SSD sul mercato disponibile in spessori da 7 mm e 5 mm.

Entrambe le opzioni sono disponibili in tre capacità, 120 GB, 240 GB e 480 GB. Le capacità da 240 GB e 480 GB offrono rispettivamente fino a 500 MBps e 400 MBps in lettura e scrittura sequenziali. Offrono letture e scritture casuali fino a 80K-IOPS (operazioni di input/output al secondo) e 70K-IOPS, rispettivamente. Tuttavia, la capacità di 128 GB ha una velocità di scrittura leggermente inferiore di 300 MBps per scritture sequenziali e fino a 60K-IOPS per scritture casuali.

Modello standard:

L’SSD Seagate 600 supporta l’ultimo standard SATA 3 (6 Gbps) ed è disponibile nel popolare design da 2,5 pollici. Seagate afferma che l’unità utilizza una memoria flash NAND a celle multilivello da 19 nm e supporta gli ultimi “algoritmi di correzione degli errori al volo”. Supporta anche Native Command Queuing e Data Set Management con Trim per prestazioni elevate e lunga durata.
Secondo Seagate, l’SSD 600 può essere utilizzato esattamente allo stesso modo di qualsiasi disco rigido Seagate standard da 2,5 pollici, ma deve essere utilizzato con Windows 7 (SP1) o Windows 8 per garantire un uso corretto della funzionalità Trim. Non è chiaro per ora se l’unità è compatibile con Mac.

Consumo di energia simile a quello di un disco rigido:

Seagate afferma che il nuovo SSD 600 consuma circa la stessa quantità di energia di un normale disco rigido da 5400 rpm. L’SSD richiede circa 950 mA all’avvio e circa 4 W di potenza di picco durante il funzionamento. Questo è un requisito di potenza molto elevato rispetto ad altri SSD. La serie Samsung 830, ad esempio, utilizza solo 0,24 W durante il funzionamento e 0,14 W quando è inattiva. Non è chiaro perché il nuovo SSD richieda così tanta potenza, ma ciò significa che è più adatto per computer desktop in cui la durata della batteria non è un grosso problema.

Un altro fattore poco chiaro è il prezzo del nuovo SSD 600. Seagate afferma che l’unità avrà un “prezzo molto competitivo”, quindi torna presto per la recensione completa, dove la confronteremo con altri SSD in termini di prestazioni e valore.

Non essere un utente silenzioso, facci sapere cosa ne pensi nei commenti qui sotto 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *