Surface Pro 3: uno sguardo all’interno dei componenti che rendono questo …

La maggior parte dei siti Web mostra Surface Pro 3 dall’esterno, che sembra piuttosto elegante con il design premium, il bellissimo colore argento, la cornice nera e, naturalmente, il nuovo cavalletto multiposizione, ma non molti. siti mostrano l’aspetto di Surface Pro 3 dall’interno.

Sai già che questo non è un dispositivo ordinario, questo tablet è un’intenzione molto ben congegnata per colmare il divario tra un tablet e un laptop e contiene i più recenti processori Intel Core (i3, i5 e i7), con l’opzione di 4 GB. o 8 GB di RAM e configurazione di archiviazione da 64 GB, 128 GB, 256 GB e 512 GB. Con queste impostazioni e il fattore di forma, è difficile classificare il dispositivo, ma Microsoft ha chiarito che Surface Pro 3 è un sostituto del laptop che funziona benissimo anche come tablet.

Durante l’evento privato per la stampa di Surface a New York City, il team di Surface ha presentato il nuovo membro della famiglia e ha anche preparato un ricevimento con molte demo di Surface Pro 3 per la stampa e una di queste è stata una modello aperto. Ho avuto la possibilità di scattare alcune foto e questo è l’aspetto del tablet da 12 pollici dall’interno.

Le immagini che vedrai di seguito mostrano la scheda principale, lo spazio di archiviazione, la batteria e altre parti di Surface Pro 3, ma forse il componente più importante da evidenziare è il nuovo sistema di raffreddamento, che Microsoft ha inventato e ridisegnato. Ora il tablet Surface è dotato di un’unica ventola sottile e super silenziosa, non sentirai l’aria che fluisce attraverso le prese d’aria ed è il 30% più efficiente di qualsiasi prodotto attuale.

Galleria

surfacepro3-board-screen_medium

sp3-angolato-board_medium surfacepro3-cpu_medium SÌ surfacepro3-inside_medium surfacepro3-main-boad-2_medium SÌ surfacepro3-unibody-case-battery_medium surfaepro3-ssd_medium

Questa è la cosa più vicina a uno smontaggio di Surface Pro 3, lo vedrai per un po ‘… Lascia i tuoi commenti e pensieri nei commenti qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *