Uso di app e servizi Google bloccato per il prossimo smartphone di punta di Huawei

Huawei è uno dei principali produttori di smartphone. Detto questo, il 2019 non è stato un buon anno per questo gigante tecnologico cinese.

Poche settimane fa, Google ha revocato l’annullamento della licenza Android di Huawei e ha continuato il supporto per i vecchi smartphone Huawei. Di conseguenza, tutti gli smartphone Huawei esistenti continueranno a ricevere aggiornamenti software.

Sfortunatamente, i prossimi smartphone di punta di Huawei non verranno forniti con le app e i servizi principali di Google come Maps, Gmail, YouTube e molti altri. Inoltre, questi smartphone non avranno nemmeno Google PlayStore. Di conseguenza, gli utenti dovranno fare affidamento su fonti di terze parti per scaricare le applicazioni sui propri telefoni.

Quindi ecco tutto ciò che devi sapere su questa situazione.

Telefoni Huawei senza servizi Google Play

Huawei ha offerto molti entusiasmanti smartphone di punta in passato. Detto questo, il prossimo Huawei Mate 30 Pro potrebbe rivelarsi un fallimento per l’azienda a causa di problemi software. Sfortunatamente, Google non è stata in grado di consentire a Huawei di utilizzare le app e i servizi Google sul Mate 30 Pro a causa del divieto del governo degli Stati Uniti.

Bene, Android è un sistema operativo open source e chiunque può utilizzare questo sistema operativo sui propri smartphone e tablet. Tuttavia, i produttori necessitano di un accordo con Google per offrire applicazioni e servizi Google sui propri dispositivi.

Vale la pena notare che il Mate 30 Pro è il primo smartphone lanciato da Huawei dopo il divieto di Google. Possiamo persino aspettarci che i futuri smartphone Huawei vengano lanciati senza i servizi di Google Play.

Infine, Huawei potrebbe lanciare anche nuovi smartphone con un proprio sistema operativo, ovvero Harmony OS. I funzionari di Huawei hanno dichiarato che:

“Huawei continuerà a utilizzare il sistema operativo e l’ecosistema Android se il governo degli Stati Uniti lo consentirà. Altrimenti, continueremo a sviluppare il nostro sistema operativo e il nostro ecosistema “.

Condividi i tuoi pensieri e opinioni su questo argomento nella sezione commenti qui sotto.

Solo un ragazzo normale che ascolta molta musica, ma a parte questo, amo la tecnologia!





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *