Windows 10 versione 1511 ottiene l’aggiornamento cumulativo KB3124263

Il 12 gennaio Microsoft rilascerà un nuovo aggiornamento cumulativo per Windows 10 versione 1511. Il nuovo aggiornamento è descritto come KB3124263 e, secondo l’azienda, include “miglioramenti delle funzionalità” del sistema operativo.

La pagina di supporto è ora attiva, denomina la nuova versione “Aggiornamento cumulativo per Windows 10 versione 1511: 12 gennaio 2016” e risolve le seguenti vulnerabilità:

  • KB3124605 MS16-008: aggiornamento della protezione per il kernel di Windows per affrontare l’elevazione dei privilegi: 12 gennaio 2016
  • KB3124901 MS16-007: aggiornamento della protezione per Windows per affrontare l’esecuzione di codice in modalità remota: 12 gennaio 2016
  • KB3124584 MS16-005: Aggiornamento della protezione per i driver in modalità kernel di Windows per affrontare l’esecuzione di codice in modalità remota: 12 gennaio 2016
  • KB3124275 MS16-001: aggiornamento della protezione per Internet Explorer: 12 gennaio 2016
  • KB3118753 Avviso di sicurezza Microsoft: aggiornamenti dei kill bit ActiveX – 12 gennaio 2016

inoltre, il KB3124263 L’aggiornamento cumulativo porta Windows 10 alla build 10586.63, che è in linea con l’attuale numero di build di Windows 10 Mobile.

Build 10586.63 di Windows 10 (KB3124263)

Come sempre, l’aggiornamento del 12 gennaio per Windows 10 è cumulativo e include tutti gli aggiornamenti installati in precedenza. Pertanto, solo le nuove modifiche verranno scaricate e installate sul tuo computer.

KB3124263 è immediatamente disponibile tramite Windows Update per computer non Insider e verrà scaricato e installato automaticamente. Certo che puoi sempre andare a Impostazioni> Aggiornamento e sicurezza> Windows Update e forzare manualmente il download.

Hai già aggiornato all’ultima versione di Windows 10? Hai visto cambiamenti? Fateci sapere nei commenti qui sotto.

fonte Windows Central, Supporto Microsoft

leggere  Dove sono le impostazioni della cache dei documenti di Office e come svuotare la cache? Come ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *